Il blog del corso di Progettazione Urbanistica

La riparazione della città diffusa

Groot Begijnhof di Leuven, BELGIO

Begijnhof

(cliccare sulla scritta Begijnhof in blu per aprire il power point e vedere il video)

Il Groot Begijnhof in Leuven è conservato, un centro storico di una dozzina di strade nella zona sud della città, situato sulla Sheep Street, nei pressi della Porte de Namur. Si tratta di uno dei più grandi restanti Béguinages nelle Fiandre, con una superficie di circa 3 ettari. Il Dyle (fiume) scorre attraverso il campo e si divide in due bracci (più un fosso), superati da tre ponti.

Béguinage: Luogo dove vivono le  beghine, ovvero donne cattoliche delle comunità religiose operanti nel 13 ° e 14 ° secolo che decisero di vivere in una comunità monastica semi-sciolta, senza voti.

Un’iscrizione in latino nella chiesa menziona 1234 come data di fondazione. Come gli altri Béguinages il convento delle Fiandre ha avuto un boom iniziale nel 13 ° secolo, e un periodo difficile durante le guerre di religione nel 16 ° secolo. Uno dei pastori del Begijnhof, nel 1490, è stato Adriaan Florensz Boeyens di Utrecht, consigliere spirituale del giovane imperatore Carlo V e in seguito noto come Papa Adriano VI . Dal 16 secolo il convento aveva una mezza seconda fioritura fino alla Rivoluzione francese . Il clou delle vocazioni si registra in una o due generazioni intorno a 1650-1670, quando il numero di suore aumentato a oltre 360. Successivamente, il numero delle monache reduci dalle guerre (compresa la guerra dei nove anni ) e le malattie, si ridusse a circa 300 attorno al 1700, a circa 250 nel 18 ° secolo. Durante la Rivoluzione francese, il Beguinage  non fu venduto come bene nazionale, come è successo con i monasteri. La gestione del Begijnhof e la sua proprietà è stata affidata alla Commissione di ospizi pubblici. Le suore sono state autorizzate a continuare a vivere nelle loro case, ma le camere dell’hotel sono state affittate gratuitamente a donne anziane. L’ultima beghina morì nel 1988.

Dopo essere stato per oltre un secolo nelle mani del CPA, è stato considerato patrimonio edilizio fatiscente, perciò il CPA ha cercato un acquirente. Un promotore interessato era disposto ad astenersi dal comprare, fino a quando sembrava l’Università si mostrò disposta a ristabilire il complesso a studenti e professori in visita. Il restauro è stato effettuato in due fasi: la maggior parte delle strade sono state riparate  negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’60, sotto la  guida del professor Raymond M. Lemaire . Il restauro a larga scala di un intero quartiere,  a quel tempo era un punto di svolta nell’interesse del pubblico del Béguinage e per l’architettura tradizionale in generale.

Il Groot Begijnhof Leuven ha l’aspetto di una “mini-città nella città”. Si tratta di una città-convento particolare infatti le case sono raggruppate lungo le strade, e non intorno ad una piazza come convento di pianta quadrata, o intorno a una piazza con una dominante o poche strade come nei Béguinages di tipo misto. Cinque case risalgono al 16 ° secolo, alcune delle quali sono costruite in strutture in legno.

Cinque case risalgono al 16 ° secolo, alcune delle quali sono costruite in strutture in legno.

La maggior parte delle case risalgono al periodo 1630-1670. Esse sono state costruite secondo la tradizionale architettura locale, decorate con alcuni sobri elementi barocchi. Le facciate sono costituite da caldi mattoni rossi, con cornici in pietra per le finestre. Un elemento tipico sono i numerosi abbaini, spesso elaborati con pignoni a gradini, e le finestre ad arco. Qua e là ci  sono sculture con temi religiosi. Molte case hanno finestre, spesso poche e piccole al piano terra. Questo perché le suore sono state fissate sulla loro vita privata. La chiesa è di prima età gotica, una basilica con elementi di stile romanico. Questa possiede una torretta sul crinale che dal 1998 è dotata di un carillon che ogni mezz’ora suona una melodia durante il giorno. Al portale nord ci sono iscrizioni in latino. L’arredamento è sobrio, barocco . Nel restauro sono stati rinvenuti affreschi antichi.

Federico Caracciolo

Annunci

1 commento»

  massimocarta wrote @

Ho avuto dei problemi ad aprire i link, ovvero, mi rimanda ad una pagina PDF, senza ulteriori rimandi.
Sarebbe più utile a tutti poter accedere e visualizzare le tue riflessioni, illustrate con immagini, direttamente dal blog, così da rendere il tuo reportage simile e comparabile agli altri.
Se vuoi inserire un video, potresti farlo con gli strumenti usati per tutti gli altri video, ovvero mettendo un link da you tube,ad esempio.
mc


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: